header image
 

Gocce di limone

Chissà cosa avresti detto tu..

in questi giorni di vento e castagne,

di un autunno dolciastro ricco di sogni a lungo termine.

Ti vedo già con la solita sciarpa nera

il maglione lungo con gli occhi accesi di curiosità

le mani emozionate.

Ti vedo Ma,

con il cuore in gola pronta a volare di nuovo..

al diavolo la paura dell’aereo e i timori e il destino..

saresti stata gia li..

Ti vedo mentre prepari il ciobar

e leggi la cronaca nera

e in fondo in fondo dici

ora non ci manca davvero nulla..

Vero.

Che assurde oggi queste lacrime esitanti ma impavide..

come te..

che assurdo questo vento

questa pioggia infausta

questa piccola gioia latente

E ti vedo oggi più che mai

felice orgogliosa fiera mai sprezzante

colpita appassionata mai controllata.

Che tempo molesto questo

Che mancanze intolleranti intransigenti insofferenti..

Che mancanza di te.

Del tuo profumo dolce e sicuro

Della tua voce penetrante ed echeggiante

Mamma..

Incredibile..

immaginare la tua incontenibile gioia e il tuo interminabile amore..

per quello che sarà tra pochi mesi..

Incredibile e straziante viverlo senza te.

Scusami se oggi non sorrido..

Tra pochi giorni lo farò di nuovo..

è che oggi non riesco a nasconderti..a celarti in me..

oggi fuoriesci da ogni parte di me.

Ti voglio bene mamma.

vento

Per sempre qui.

Puoi andare..

Tanto qui ci sono tutti i tuoi pensieri più veri..e i più apocrifi.

Qui ci sono i libri che mi hai comprato e non mi hai mai dato..li vedo uno ad uno nella libreria della mia testa.

Qui ci sono le tue parole lasciate ad asciugare come panni stesi al sole..secche,aride.colme.

Qui c’è una canzone che canteranno altri milioni di persone.ma sarà per sempre la tua canzone per me,

il tuo sorriso per me.

Qui c’è un blog.Che mi ha aiutato a rovesciare l’anima.

A svuotarmi il cuore,

a depennare la malinconia,

a glorificare il vuoto,

a celebrare la mancanza,

a condividere l’assenza.

A sviscerare l’amore.

A scanalare una rabbia.

Vai pure.Tanto resteremo per sempre qui.

Volare chagall

Ti lascio qui.

E così all’improvviso sei andata via.
Ti sei portata via il nostro ultimo viaggio insieme.l’incoscienza.un bel pò di dolore.e almeno 40 rullini di foto scattati insieme.
E allora ci lasci.Senza un ovvio perchè.e senza un inutile motivo.senza un addio e senza un sorriso.
Zero lacrime per una vita passata isnieme
Mi ritroveresti ancora la stessa.
Quella insonne.Che la mattina alle 7 per svegliarti ti saltava sulla schiena.Nonostante il mare di san teodoro ci attendeva vero le 12.
Quella che in vacanza voleva le lenzuola con le stelle blu.e la luna sul cuscino.
Quella che notte prima degli esami l’ha cantata ogni notte prima dei nostri esami.il mio.il loro.il tuo.
Quella che in macchina ti doveva stare a fianco.Per cambiare stazione e trovare la canzone che volevi ascoltare tu.Proprio quella.e poi mettere uno dei nostri mix e girare nella città deserta fino all’alba.
Sono ancora io.Quella che odia i centri commerciali la domenica e che divora libri.Quella che al cinema ci veniva solo per vedere certi film e non per vedere matrix.
Sono io ..quella che chiamavi sorella.che allargavi le braccia quando ti sorridevo.Che ti ha fatto mille sorprese e ti ha donato anche mille silenzi.
Ci capivamo..altrochè se ci capivamo.Tu hai potuto vederla nei suoi ultimi giorni.Tu hai saputo starmi vicino..con la semplicità di sempre.Tu non invadevi ma sapevi qual’era il tuo posto anche quando starmi vicino richiedeva occupare un posto scomodo.Tu mi avresti difeso da tutto e da tutti.e lo hai fatto..
Oggi non riesci a difendermi dalla tua lontananza.
Oggi preferisci sparire nel nulla..come quelle persone che noi chiamavamo meteore..
ora cosa sei tu.
Cosa sei Roby.
Dove sei.
A volte canto ancora Hotel California.ti penso.sorrido.e hai ancora la capacità di riempirmi il cuore.
Tutto sommato è ancora colmo di noi.
Ovunque sei..Io ti lascio qui.1320988908

Senza pausa

Tutto sommato oggi credo che c’eravamo fatti promesse davvero troppo grosse.
Tutti quei discorsi sull’imprescindibilità delle cose..e tu.e io. noi su tutto e su tutti..
Non ci avrebbero distrutto ulteriori dolori..
perchè noi i nostri dolori con la D maiuscola ce li avevamo già belli che avuti
Non ci avrebbero distrutto grandi gioie
perchè ricordi?la tua gioia è la mia gioia
Non ci avrebbero tolto la sete e la fame
di noi,
Nessun verso mai avrebbe potuto semplificarci..semplificare quello che eravamo..
perchè eravamo tutto e niente
eravamo molta anima poco corpo troppa psiche tanto amore
tutto sommato tanto “amore”
Non ci avrebbero fermato le responsabilità
i destini strani i viaggi lunghi
le assenze l’amore il male
Non ci avrebbe fermato il futuro
noi eravamo troppo eterei e privi di forma per fermarci davanti alla concretezza delle cose.
Davanti al futuro
Davanti al passato
Eravamo un presente eterno
eravamo un punto fermo tra mille virgole
una certezza tra i puntini di sospensione
Noi e i nostri amore altrove
Noi e la nostra disperata follia
Noi e il dolore puro
Noi che ci sapevamo raccogliere e colmare
come bottiglie stanche e vuote su una riva agitata
Ci sapevamo tutto sommato
dare tanto e non dare nulla
Ma quel nulla sapeva urlare
Noi..aliti di vento,notti insonni e canzoni melodie versi poesie prose racconti scene tratte da..
Tutto quello che potevamo passarci..
tutto quello che potevamo scambiarci eravamo noi
Oggi resta un pensiero fragile
un ricordo forte
un rimpianto incerto.
E un grande Punto.
Punto.
Amore_e_psiche

“La senti questa voce..”

28 anni tra qualche giorno

e la prima cosa bella che ho avuto dalla vita è il tuo sorriso giovane

Prosegui la lettura ‘“La senti questa voce..”’

Ricordi violenti

E tu che all’improvviso implodi nel mio cuore

Prosegui la lettura ‘Ricordi violenti’

Vino rosse e castagne.

Avresti dovuto dirmi che ti manco.

Prosegui la lettura ‘Vino rosse e castagne.’

Perchè il mio fiore più bello resterai per sempre tu

Prosegui la lettura ‘Perchè il mio fiore più bello resterai per sempre tu’

Senza addii.

Ripenso al colore strano dei tuoi occhi.

Prosegui la lettura ‘Senza addii.’

-Ancora-

Arriva la bella stagione..

Prosegui la lettura ‘-Ancora-’

tormento

Cos’è questo tormento..

Prosegui la lettura ‘tormento’

Amico mio..

Otto anni fa o forse nove,

Prosegui la lettura ‘Amico mio..’

Io ti volevo difendere


io ti volevo difendere
Da questo tempo difficile
Avremmo disubbidito al mondo, come da piccoli
Che schiacciavamo pozzanghere
Con madri che ci tiravano via
La nostra storia finisce qui,
Ma ovunque andrà la tua…
Tu resti dentro di me
Io l’ho giurato alla vita
Camminerai a fianco a me
Ovunque andrà la mia strada
Vivrai nella porta accanto dovunque avrò la mia casa
Farai l’amore con me
Qualunque sia la mia sposa
Ti avrei voluto nascondere
Che gli altri non ci trovassero più
Per poi scoprirti più fragile nella tua intimità
Quando arrossivi così confusa
Coi piedi nella tua veste scesa
Stasera ho smesso di esistere
Continua tu per me…
Tu resti dentro di me
Io l’ho giurato alla vita
Camminerai a fianco a me
Ovunque andrà la mia strada
Vivrai nella porta accanto dovunque avrò la mia casa
Farai l’amore con me
Qualunque sia la mia sposa

Prosegui la lettura ‘Io ti volevo difendere’

-C’è ancora..-

Ci sono i girasoli arancio al centro della tavola.

Prosegui la lettura ‘-C’è ancora..-’

è silenzio

Prosegui la lettura ‘è silenzio’

La meraviglia..

A volte alcuni dolori hanno l’esclusiva-

Prosegui la lettura ‘La meraviglia..’

Dissolvere questo Dicembre

Prosegui la lettura ‘Dissolvere questo Dicembre’

Mi raccogli

C’è un’ insostenibile consapevolezza:

Prosegui la lettura ‘Mi raccogli’

Fuga senza partenza

Ore19.14

Prosegui la lettura ‘Fuga senza partenza’

Questo tempo che non mi piace

Perchè non mi piace questa aria.

Prosegui la lettura ‘Questo tempo che non mi piace’

Le tue lune..le mie lune..

"Questa qua è per te.."

Prosegui la lettura ‘Le tue lune..le mie lune..’

Se mi riconosci..sono sempre io.

Sono ancora io.

Prosegui la lettura ‘Se mi riconosci..sono sempre io.’

E non ci sei.

Il viaggio senza meta.

Prosegui la lettura ‘E non ci sei.’

In gabbia

In gabbia.

Prosegui la lettura ‘In gabbia’

Come vivi dentro

"Che pericolo la quotidianita’
e la tranquillita’
dove sei, come vivi dentro
c’e’ sempre sentimento
nel tuo parlare piano.."

Ascolto i dubbi dell’amore
Fiorella Mannoia.un capolavoro scritto da un uomo.
Un capolavoro che mi assale.
e intanto mi assale il disordine..
prende la testa e le ossa.
prende questa casa.
il balcone sfinito
il lavandino con i piatti di due giorni fa da lavare
i panni da stirare
quelli da stendere
quelli seccati al sole
il letto sfatto
il mio cuore dis-fatto
le foto da sistemare
le fatture da ordinare
le bollette da pagare
i libri ancora li.impolverati.
impazienti di essere aperti.
Vorrei dirti le cose che non ti ho mai detto
Vorrei essere la tua gioia
Vorrei ancora essere amata in quel modo li
Vorrei sviscerarti il mio sentimento e donartelo
Vorrei ricevere quei fiori li
Vorrei la spalla di mia madre.
L’8 settembre avrei voluto rimanere a letto
urlare piangere restare immobile
tutto tranne che fingere
fingere di un giorno normale
Avrebbe fatto 55 anni
e sarebbe ancora bellissima
Vorrei dirti di sostenermi ancora
Vorrei capire cosa c’è dietro il tuo silenzio
dietro la tua rabbia.
Tu sai di che pasta è fatta la mia.
la disfacevi mentre la costruivo.
Ho mille cose da fare-
ma oggi quella che mi viene meglio
è restare ferma.
E costruire quello che ai tuoi occhi

Prosegui la lettura ‘Come vivi dentro’

Chi nasce tondo non può morir quadro

In fondo non me ne è mai importato niente

Prosegui la lettura ‘Chi nasce tondo non può morir quadro’

Non ero mica pronta

Quando ieri mi hai chiesto se ero pronta ti ho guardato.

Prosegui la lettura ‘Non ero mica pronta’

Tu,la vodka e tutto il resto

Mi hai appena mandato un messaggio.

Prosegui la lettura ‘Tu,la vodka e tutto il resto’

La presenza

Dimmi dove sei

Prosegui la lettura ‘La presenza’

Un brivido.perchè.

Un brivido.perchè.

Prosegui la lettura ‘Un brivido.perchè.’